Un giorno all’improvviso – Clementino

Un giorno all’improvviso…

m’innamorai di te

il cuore mi batteva

non chiedermi perché

di tempo né passato

ma siamo ancora qua

e oggi come allora

difendo la città.

La storia dell’amore per una città, per una squadra un colore!

Con il suo perfetto accento Napoletano, il rappar Clementino canta al mondo intero l’amore che pulsa nel sangue per la sua squadra, IL NAPOLI portando un coro ultras.

Una canzone che rappresenta l’amore dei tifosi in generale, una canzone che parla del vero e sano coro ultras.

Consigli musicale “On The Road”

Siete in gruppo e state camminando verso una meta e non sapete cosa canticchiare? O sei solo e vuoi cercare una compagnia nella musica mentre cammini?

In entrambi i casi questo è il posto giusto!

Qua sotto troverai qualche canzone da poter ascoltare mentre cammini, adatte, a questo stile di vita!

Cominciamo subito con…

1. La strada – Modena City Ramblers , questa non può che essere la prima.
La canzone “on the road” per eccellenza, un gruppo di amici che con un furgone girano il mondo ascoltando le storie degli anziani che trovano da paese in paese, prendendole come oro colato e lezioni di vita.

2. Andiamo in dietro di qualche anno, nei primi anni del ventunesimo secolo esce il singolo Rotolando verso sud – Negrita. Se stai camminando ed hai bisogno di un pò di ritmo DEVI sapere a memoria questa canzone. Tra storie e rivoluzioni questa canzone è piena di contenuti sui quali riflettere lungo il cammino.

3. “Ognuno di noi ha la sua strada da fare, prendi un respito ma poi, tu non smetter di camminare…”, queste parole appartengono alla canzone Il Cammino – Eros Ramazzotti. Possono essere utilizzate in senso letterario per coloro che camminano, ma anche in senso figurato pensando alla vita e alle nostre esperienze passate.

4. Questa canzone, a differenza dlele altre, non capisci sin da subito il ritmo e la forza della canzone, ma dopo qualche strofa ti rendi conto della forza musicale e poetica di quetsa canzone. Walk with me – Bella Thorne la consiglio per i lupi solitari…

Queste sono le canzone che vi consiglio di ascoltare se siete in cammino per un lungo viaggio, che siate in compagnia o da soli, sappiate che la musica non vi abbandonerà mai, per tanto, imparate anche a suonare qualche strumento e lasciate a casa i telefoni. 😉

 

Canzoni che rappresentano il rap Italiano

Il rap (o rapping) è una tecnica vocale tipica della musica hip hop, che consiste nell’esecuzione di allitterazioni, assonanze e rime senza melodie su basi ritmiche uniformi, cadenzate e spesso già assemblate e registrate, strumentali o più spesso elettroniche.

Il rap in italia è arrivato circa negli anni 90, e oggi, vi elencheremo alcune canzoni che hanno fatto la storia del rap Italiano.

1990, tra i primi gruppi rap Italiani abbiamo Articolo 31, con il loro primo album pubblicato Strade di città. Sono riusciti a vendere fino a 90.000 copie! Hanno fatto subito successo.

Nel 2003, il grande Michele Salvemini alias Caparezzapubblica la canzone Fuori Dal Tunnel, la quale lo portò al successo. Palesemente tratta il tema della dipendenza per la droga “Sono fuori dal tunnel (della droga) del divertimento”, ma riesce a toccare il tema con semplicità e con un ritmo a tratti lento e a tratti velocissimo!

Siamo nel 2006, Mondo Marcio crea una canzone incredibilmente ricercata dagli Italiani…la canzone che viene caricata è Dentro Alla Scatola. Una canzone ‘familiare’ dove Mondo Marcio si trova a raccontare la vita che ha vissuto da bambino, malinconica e dannatamente realista.

“Mangiavo lucertole aperte da ragazzino”, scommetto qualunque cosa che tutti conoscete questa canzone…Fabri Fibra – Applausi Per Fibra, pubblicata nel 2006, diventa subito pane quotidiano per gli ascoltatori di rap Italiani, con questo singolo è riuscito a vincere ben 4 dischi di platino, e per essere la sua prima canzone non è niente male…

Se conosci qualche altra canzone che rappresenta il rap italiano puoi lasciarla nei commenti!!

BB King \ Eric Clapton – The Thrill Is Gone

Quando fatichi ad alzarti al mattino, hai il blues.

Quando non trovi lavoro, hai il blues.

Quando hai solo pochi spiccioli in tasca, hai il blues.

E quando un amore finisce, quando tutto sembra andare a rotoli e pare proprio che ormai non ci sia via di scampo se non andare via e continuare sul proprio cammino, hai il blues.

 

B.B. King in “The Thrill Is Gone” (blues in minore originariamente composto nel 1951 da Roy Hawkings e Rick Darnell e reso celebre da King stesso) racconta della fine della sua relazione, della delusione che prova nel male che la sua donna le ha fatto, e di tutto ciò che ruota attorno la sua vita sentimentale influenzando anche il suo quotidiano. Lei è cosciente del suo comportamento errato, eppure è come se si dimostrasse ormai noncurante al riguardo e di tutto l’impegno che lui abbia impiegato nei suoi confronti. È la presa di coscienza del Blues Boy che ogni ulteriore sforzo nel tentare un recupero del loro amore sarebbe tanto utile quanto provare a reincollare un vaso ormai andato in frantumi, ormai ricomposto troppe volte in passato, e che la colla tra un frammento e l’altro sarebbe a questo punto davvero troppo evidente da essere ignorata un’altra volta.

 

Sa che patirà molto la sua solitudine, e al contempo che ormai l’unica scelta possibile è quella di allontanarsi, di trovare il distacco da un sentimento ormai malsano (amore o attaccamento?), di farlo per il suo benessere personale, per se stesso, per ritrovare se stesso. È quel momento in cui l’amor proprio ha la meglio su tutte le parole al vento, le promesse vuote, i gesti ormai insignificanti a cui ci si aggrappa con le unghie e coi denti per giustificare ancora una volta il legame, per cercare ossessivamente la spiegazione e l’illusione che esso è ancora vivo e vegeto.

 

C’è sempre una malsana tendenza nell’accettare il dolore e i torti dell’altra parte, di chiudere gli occhi perché non si vuole guardare, perché la verità certe volte fa troppo male per essere abbracciata. E anche se la consapevolezza di essere ormai guarito, “libero dal suo incantesimo”, è stata difficile da raggiungere, da comprendere, finalmente lui ce l’ha fatta e non può far altro che “augurarle il meglio”.

Canzoni da ascoltare quando piove

La pioggia, secondo gli scienziati, è un grande evento atmosferico dando vita alle piante e movimento agli oceani…un pensiero ben diverso dal pensiero comune…

Si, mi riferisco a tutte quelle persone che aspettano la pioggia per non piangere da soli…tutte quelle persone che cercano in un celo infinito e bagnato, qualcosa, o qualcuno…

La musica, ci aiuta sempre a pensare, a cercare di capire realmente cosa cerchiamo, pertanto, oggi non vi consiglierò delle semplici canzoni che parlano della pioggia…come Norah Jones Live-I Think It’s Going To Rain Today, bensì canzoni che possano non farvi sentire soli, mentre le strade sono piene di gente che corre e la tua testa piena di pensieri che urlano…

  1. Cade la pioggia – NEGRAMARO

2. Lorenzo Jovanotti – Piove

Piove – Alex Britti

4. Se piove – Max Gazzè

5. Piove – Domenico Modugno

10 canzone da ascoltare se pensi a lei

Stai pensando a lei eh? La vedi da per tutto e non riesci a dimenticarla? Tranquillo, forse non è il momento di dimenticarla, forse è il momento di ricordarla! Scegli una tra queste canzoni, metti un paio di cuffie nelle orecchie e non pensare a nulla…se non a lei…

1.  Charles Aznavour – Lei ( She )

2. Frank Sinatra – My Way

3. Babaman – Lei

4. Umberto Tozzi – Lei

5. Briga – Sei di mattina

6. Coez – La musica non c’è

7. BOOMDABASH – Portami con te

8. BOOMDABASH feat Otto Ohm – L’importante

9. Elvis Costello – She

10. Elvis Presley – Always on my mind

5 Canzoni da ascoltare quando sei felice

Cerchi qualche canzone da ascoltare quando sei felice?

Magari in questo momento lo sei, anche perché penso che se non lo fossi cercheresti ben altro…

In ogni caso, ecco una piccola playlist delle 5 canzoni che dovresti ascoltare quando sei felice!

1. Non possiamo che postarvi come prima canzone la canzone “Felicità – Al Bano e Romina”

2. Al secondo posto c’è una tra le canzoni più rilassanti in assoluto, classico effetto che portano le canzoni di Zucchero, avrete già capito sicuramente “Zucchero – Guantanamera (Guajira)”

3. Se volete deliziare il vostro udito con un po di sana musica Americana non può mancare nella playlist la canzone per eccellenza della felicità “Happy Days”

4. Lo so che questa canzone farà uscire una lacrimuccia a tutti quei veri tifosi del calcio italiano facendovi ricordare i mondiali 2006 ma “Waka Waka di Shakira” non poteva assolutamente mancare nella nostra playlist!

5. Godetevi questi attimi di felicità! E se volete potreste decidere di passare questo momento come fa Bruno Mars, a letto! Eh eh, non pensate subito male! Passare una giornata ad oziare senza fare un bel niente! Come nella fantastica canzone “Bruno Mars – The Lazy Song”.

Prodotto da Alessandro Greco | CEO

Up ↑

Sei su interèssati!